Il destino nelle tue mani – Chirologia Evolutiva


In questo libro, primo di una quadrilogia, l’autore ci parla della #Chirologia Evolutiva che ci insegna ad investigare la superficie palmare, con la possibilità di riconoscere la globalità nella quale è posto il divenire della persona, aiutandoci a prendere decisioni e modificando il nostro destino. Destino che non è ineluttabile (come interpreta invece la Chiromanzia) ma è nelle nostre mani perché su di esse si disegnano e si imprimono i segni dell’esistenza, in un continuo interscambio e trasformazione. Per questo le mani “parlano” a chi le sa leggere ed ascoltare. Questo testo ci presenta suggestioni e riflessioni teoriche con semplici indicazioni storiche e filosofiche, ma soprattutto ci indica i punti e le modalità principali per una lettura delle mani che offre a tutti nuove possibilità e conoscenze. 

Il destino nelle tue mani

Gianpiero Brusasco

Shiatsu Milano Editore

Febbraio 2023

Pagine 144

€15,00 formato cartaceo

Disponibile anche in formato eBook

Gianpiero Brusasco, chirologo e operatore shiatsu, è entrato in contatto con la Chirologia da ragazzo attraverso l’insegnamento di un vecchio contadino. Da molti anni studia e utilizza vari metodi di analisi palmare che armonizza secondo un metodo proprio. Conduce corsi di Chirologia e offre consulti personalizzati anche online.

Dello stesso Autore, a seguire:

– L’affinità di coppia

– Chirologia yin yang

– Lavoro, predisposizioni e talenti

Pubblicità

COSA È LA CHIROLOGIA


Se avete difficoltà in amore, siete preoccupati per motivi economici, se la vostra salute è debole, forse il vostro viso può nascondere tutto questo, ma le linee e i segni della mano riveleranno più di quanto vorreste. 

Se siete felici, propositivi, in salute e aperti alla vita, ciò apparirà dal comportamento e dall’espressione del vostro viso, ma ancor più esattamente dai palmi e dalla postura delle mani. 

La credenza che ci fosse una stretta relazione tra la forma e le linee della mano con il carattere, la salute ed il destino della persona è una tradizione arcaica. 

Essa nasce con le antiche civiltà dell’India, poi dell’Egitto, della Grecia, della Cina ed è giunta fino a noi nel Medioevo. 

Attualmente la chirologia è un’arte quasi scomparsa ma restano ancora molte persone che cercano in essa un responso divinatorio. 

Questa arte, per quanto millenaria, manca pur sempre della rigorosa esattezza rigorosa della scienza ed è di fatto mescolata ad elementi poetici e fantastici e basata sull’interpretazione.

Come si spiega l’interesse per la chirologia nell’era dell’automazione, del meccanicismo, delle avventure spaziali? L’origine di questo interesse va ricercato non tanto nella sopravvivenza di primitive superstizioni, ma soprattutto nel bisogno, anche nei nostri giorni, di evadere dal ristretto campo di osservazione e di conoscenza che ci offre la razionalità, per spaziare nel regno misterioso e affascinante dell’ultrasensibile, dove la verità « intuita », anche se non dimostrabile in modo scientifico, la si percepisce altrettanto vera e ricca di significato di quella regolata da saldi principi logici.

D’altra parte la chirologia attribuisce notevole importanza all’esame della struttura della mano per poter giungere a chiarificare la personalità dell’individuo. Questo è il fine della chirologia: dare un aiuto per avere una conoscenza pratica della natura umana.

Cos’è propriamente la chirologia?

L’arte che, attraverso un esame accurato della mano, ci permette di conoscere i tratti del carattere della persona, le sue contraddizioni, le sue elaborazioni emotive, e quindi proporre un senso, una direzione, all’evoluzione dell’intera personalità. 

Dipenderà dall’individuo saper combattere la battaglia contro le eventuali avversità e saper sfruttare le proprie doti innate in modo da trarne vantaggio per sé e per gli altri.

I segni della mano sono infatti indicativi ma non determinanti in senso assoluto: ciascuno resta padrone del proprio destino. Detto questo, è necessario sottolineare il valore della chirologia come un mezzo che ci è offerto per conoscere almeno una parte di noi con umiltà.

Per avere una lettura completa non bisogna dimenticare di osservare entrambe le mani: la sinistra simboleggia il subconscio e ci parla delle qualità innate dell’individuo, la destra indica il modo in cui queste qualità si sono sviluppate e l’influenza che l’ambiente esterno ha esercitato. 

Infatti se un segno si trova su una sola mano, esso ha solo valore di probabilità. Un esame accurato deve tener conto innanzitutto della forma e del colore della mano. Il colore corrisponde al temperamento della persona: la tinta rossa è tipica dei passionali; la tinta olivastra svela il pessimista; la tinta giallo-grigia si osserva presso gli irosi.

Quanto alla forma della mano, se ne possono distinguere quattro tipi base: quadrata, spatolata, filosofica e conica. 

Per esemplificare: la mano stretta (più lunga che larga) rappresenta un carattere introverso mentre una mano larga (più larga che lunga) rappresenta un carattere estroverso. 

Rimando alla lettura del mio prossimo libro per ulteriori approfondimenti e considerazioni.