Home > chirologia, chiromanzia, lettura della mano, lettura palmare > Chirologia. La linea della vita spezzata: significato e importanza

Chirologia. La linea della vita spezzata: significato e importanza


Una domanda sulla linea della vita da una lettrice del blog aiuta a fare chiarezza sul significato di questa linea che spesso è intesa solo some misurazione del tempo di vita che ci è dato.

Quesito: la linea della vita spezzata.

Gent.mo Dott.re Brusasco, nella mano sinistra la linea della vita arriva a circa 55 anni, poi poco prima da essa ha origine una diramazione sempre più ampia che arriva fino al polso.Non ci sono altri segni sulla mano, nè sulla linea della testa nè su quella del cuore. Nella mano destra la linea della vita termina circa alla stessa età, ma dal polso si origina una linea parallela che arriva fino a dove termina la linea della vita. Non ci sono altri segni.Vorrei cortesemente chiederLe se la diramazione come Lei mi ha più volte detto è una continuazione della linea della vita, anche se è un poco separata dalla stessa.
In attesa di una Sua cortese risposta,
Le porgo distinti saluti
Dott.ssa Cristina C.

Risposta: questo esempio di linea della vita spezzata e ricostruita è molto interessante perché ci dice come il destino di ognuno di noi non sia immutabile, bensì mutevole.

La linea in questione rappresenta il nostro stato di salute, la nostra vitalità, espressa  nella medicina cinese come vitalità degli organi respiratori, ma anche di quella parte di noi immateriale che è detta in cinese , cioè l’Anima Corporea.
Ogni diversione di percorso delle linee è indice di un mutamento, di un cambiamento che influenza le nostre vite, che può essere insito nella linea (come una linea curva o ad anse) oppure che imprime un cambiamento significativo e improvviso, talvolta assorbito (come una linea parallela o convergente) oppure subìto (come una linea che ha un’interruzione ma poi prosegue più in la) oppure drastico e senza rimedio (come una linea che si interrompe).
Il caso in questione ci dice innanzitutto che l’evento sarà assorbito (una diramazione) ma indica anche una perdita di forza vitale (linea sempre più ampia) che però si mantiene viva per lungo tempo (arriva fino al polso).
Per concludere la linea della vita in sè non indica solo la lunghezza della vita bensì la sua vitalità, cioè in ogni caso anche una linea corta può essere indice di lunga vita (comparata con le altre due linee importanti, del cuore e della testa, che possono essere lunghe) ma presagisce una debolezza dell’apparato respiratorio tanto più evidente se il colore della mano è abitualmente pallido o anemico.
Alcuni esercizi per la respirazione li potete trovare qui: La respirazione
  1. Loredana
    7 dicembre 2011 alle 10:42

    Cara Cristina, la linea che descrivi che è parallela alla linea della vita, è la linea dell’ansia, chi la possiede è soggetto a stati di ansia per i problemi pratici della vita sua ma anche dei suoi familiari e amici. La linea della vita che si spezza oltre ad essere un segno di forza vitale che si interrompe provvisoriamente, implica a volte anche un cambiamento radicale nelle situazioni familiari o sociali che comportano uno sforzo fortissimo di riadattamento alle condizioni necessarie per proseguire il cammino della nostra vita.
    Cordialmente
    Loredana

  2. 7 dicembre 2011 alle 11:12

    Come suggerisce la nostra lettrice, c’è una relazione tra ansia e linea della vita.
    Vediamo meglio di capire come collegare l’apparato respiratorio con l’ansia.
    Come già detto è l’apparato respiratorio che dà vitalità alla linea della vita.
    Il ritmo respiratorio è influenzato dalle emozioni, così come tutte le funzione vitali, e il respiro affannoso che si collega ad uno stato di ansia è la manifestazione fisica del disagio emozionale.
    Certamente una variazione nelle abitudini così netta come la linea spezzata richiede una accurata presa di coscienza. In questo caso la chirologia ci insegna che possiamo prevedere gli stati d’animo a cui andremo incontro per poterli integrare consapevolmente. Dato che una linea spezzata in sé non rappresenta una certezza di evento bensì una forte probabilità, un consiglio saggio sarebbe quindi dare a Cristina l’indicazione di fare esercizi respiratori, di apprendere la respirazione yoga, così come di fare attività fisica che aumenti la capacità respiratoria.
    Questo approccio psico-fisico ha il vantaggio di affrontare sempre la relazione mente-corpo come una relazione che possiamo imparare a gestire, riportando l’attenzione al corpo laddove la mente sfugge.
    Successivamente ridando energia vitale all’apparato respiratorio una conseguenza sarà la modificazione della linea spezzata che andrà a ricostituirsi in virtù delle azioni che abbiamo intrapreso consapevolmente.
    Per comprendere meglio questa mia affermazione dobbiamo tenere in considerazione due insegnamenti di primaria importanza: 1) l’energia segue la mente; 2) l’energia da vita alla forma.
    Se volontariamente portiamo alla nostra consapevolezza un atto come il respiro controllato agiamo sul primo e sul secondo punto. Da ciò deriva il cambiamento.

  3. 2 gennaio 2012 alle 16:26

    La ringrazio cosa può dirmi della mano sinistra.
    Attendo Sua cortese risposta.
    D.ssa Cristina Capriotti.

  4. 24 aprile 2014 alle 15:30

    Qualcuno potrebbe rispondere al mio quesito? Io mio bimbo di tre mesi ha linee della testa diverse da una mano all’altra(forse questo è normale, ma avendole io perfettamente identiche, chiedo…) ma mentre nella sinistra è una e lunga, nella destra, leggendola dal mignolo verso destra, ha una linea breve, poi un’altra che parte in corrispondenza del dito medio, staccata poco più di un mm di altezza dall’altra, e prosegue dritta fino ad arrivare in corrisp dell’indice. È come se , in pratica, ne avesse due. Sono preoccupata… Non ho letto cose belle a riguardo… Tranquillizzatemi, per favore…

    • 24 aprile 2014 alle 15:55

      Nei bambini le linee non sono completamente formate fino a circa 6 anni. In ogni caso le linee si modificano nel tempo.
      Per leggere la mano in maniera congrua è necessario partire dalla mano ‘passiva’, solitamente la sinistra, indicatrice delle potenzialità esistenti alla nascita, per proseguire nella mano attiva, solitamente la destra, per verificare l’evoluzione o la trasformazione delle potenzialità.
      Sembra quindi che la mano sinistra con linea spezzata, portatrice di una modificazione brusca, sia stata trasformata in una linea più stabile e duratura.
      L’interpretazione conseguente è quindi positiva in senso generale perché la configurazione spezzata è indice di trauma mentre la linea continua è indice di stabilità. .

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: